4 passi per diventare sicuri di se'

Come già argomentato nel mio precedente articolo “Sei prefetto così come sei” l’autostima è il sentimento di amore e rispetto che una persona ha verso se stessa, il sentisti utile e di valore indipendentemente dal successo o del fallimento, dagli alti e bassi della vita.

Per costruirsi una buona fiducia in se stessi è necessario lasciare andare vecchie abitudini e sviluppare nuovi modi di pensare adottando comportamenti più potenzianti. Per imparare qualcosa di nuovo devi mettere in discussione quello che già sai e i comportamenti che fai abitualmente. Se pensi di sapere già tutto non puoi imparare e non ti dai il permesso di crescere e di procedere a piccoli passi verso il cambiamento.

Vediamo allora qui sotto i 4 piccoli passi per andare nella direzione della sicurezza in se stessi:

Il cervello registra tutto ciò che diciamo e non distingue una cosa solo pensata da una realmente accaduta... basta pensare che spesso al cinema ci emozioniamo come se quella scena stesse accadendo proprio a noi. Perciò, che messaggio vogliamo che arrivi al nostro cervello in merito a noi stessi? Quando ci guardiamo allo specchio e non siamo mai soddisfatti dell’immagine riflessa, come possiamo uscire di casa sicuri di noi stessi e del nostro valore? Impariamo a sostituire i pensieri negativi con i pensieri positivi.

Ogni mattina accogliti allo specchio con un sorriso e una parola di apprezzamento “oggi sono brillante, meraviglioso/a” farà sicuramente la differenza nella tua giornata.

Smetti di giudicarti, sia la mattina davanti allo specchio che durante tutta la giornata; fai attenzione a cosa ti dici in quanto possiedi capacità e attitudini di cui forse non sei nemmeno consapevole e che fatichi a vedere solo perché ti sminuisci. Impara a pensare in modo diverso e a modificare i tuoi pensieri negativi: notali e annotali su di un foglio e trasformali in pensieri positivi. Non giudicare neppure gli avvenimenti della tua vita, osserva quello che sta accadendo per quello che è senza stabilire se è giusto o sbagliato, se è bello o brutto, se ti piace o non ti piace… anche quando capita a te o sei tu l’oggetto del giudizio.
Questo non significa vivere in modo distaccato, ma semplicemente osservare le cose per come sono, senza giudicarle. Spesso siamo in preda a ciò che accade e ci facciamo dominare e guidare dalle nostre emozioni; in questo modo diamo in mano a loro il nostro potere di agire e parlare per poi finire di accorgerci di aver fatto o detto cose solo perché in preda a quell’emozione ma senza volerle realmente fare o comunicare.

Perdona te stesso e gli altri, il Per –Dono (per regalo) è un atto d’amore verso noi stessi per guardare al presente in maniera obiettiva, senza più essere condizionati dalle situazioni vissute in passato, e per vivere la vita con più leggerezza. Tenere rancore è come caricarsi uno zaino pieno di sassi sulle spalle e scegliere di portarlo sempre con noi. In tal modo, adatteremo la nostra vita in base anche a quello zaino, a quel peso, e pur potendo fare qualsiasi cosa faremo il doppio della fatica con maggior dispendio di energia. Perché allora non darci il permesso di svuotare lo zaino e camminare liberi da qualsiasi fardello abbiamo deciso di caricarci? Perdonati perciò per tutte le volte che non ti sei sentito abbastanza, che non hai reagito come avresti voluto e che non hai avuto fiducia in te. Imparare anche a perdonare gli altri non significa condonare o giustificare l’altrui comportamento, ma vuol dire abbandonare quella rabbia che sai essere solo dannosa per te; è qualcosa che avviene nella tua mente.

Concentrati su ciò che puoi fare piuttosto che su ciò che non puoi. Tutti noi abbiamo dei punti di forza, quali sono i tuoi? Li conosci, sei capace di darne una spiegazione dettagliata in modo da sapere e comunicare che puoi fare davvero la differenza in un determinato ambito? Non bisogna nascondersi! Non è questione di vanto o di presunzione, ma si tratta di sapere in cosa siamo più forti per acquisire fiducia in noi stessi e capire quali sono le caratteristiche che ci contraddistinguono. Utilizza il tuo tempo per pensare a ciò che sai fare piuttosto che a ciò che non va in te.  

 

Non cercate sempre la strada più facile, perché le cose migliori richiedono fatica.
E
solo tu puoi percorrere quel cammino... nessuno può sostituirti in quest’impresa.